CORSO DI GIOCO PSICOMOTORIO PER GENITORI E BAMBINI/E DAI 12 AI 30 MESI

Leggi la news

CORSO DI GIOCO PSICOMOTORIO PER GENITORI E BAMBINI/E DAI 12 AI 30 MESI

COS'E'

 

La Psicomotricità favorisce, in maniera armonica, lo sviluppo globale del bambino, aiutandolo ad integrare le principali dimensioni che gli appartengono e che sono interdipendenti tra loro: moticità, affettività, pensiero.

Offre spazi, tempi e materiali in grado di promuovere il gioco senso-motorio (correre, saltare, scivolare, rotolare, arrampicarsi, sperimentare equilibri e disequilibri), il gioco simbolico (giocare a “far finta di...”) il gioco di rappresentazione (dare forma alle proprie idee attraverso un materiale) e la creatività.

Promuove in ciascun bambino il piacere di essere sé stesso ed in relazione con gli altri, considerando il corpo e l'espressività motoria i canali privilegiati con cui ogni bambino esprime la propria unicità, le proprie emozioni, i propri bisogni e desideri, così come il piacere di fare, di scoprire, di comunicare e di apprendere.

 

COME:

l'attività di Psicomotricità è organizzata:

  • per piccoli gruppi (max 8 bambini/e) omogenei per età
  • insieme alla presenza di un genitore per ogni bambino/a
  • inserendo all'inizio, a metà e alla fine del corso un incontro dedicato ai genitori partecipanti all'attività, in modo da arricchire il percorso di uno spazio di riflessione e confronto tra adulti

 

QUANDO E DOVE:

il sabato mattina, presso la palestra del Club Mary Poppins

-  dalle 9:00 alle 9:50 per bambini dai 12 ai 18 mesi

-  dalle 10:20 alle 11:10 per bambini dai 18 ai 24 mesi

-  dalle 11:40 alle 12:30 per bambini dai 24 ai 30 mesi

 

I° ciclo: dal 19 settembre al 23 gennaio 

(il 19 settembre l'incontro è dedicato ai soli genitori accompagnatori)

 

II° ciclo: dal 30 gennaio al 29 maggio

(il 30 gennaio l'incontro è dedicato ai soli genitori accompagnatori)

 

PERCHE' LA PSICOMOTRICITA' ALL'INTERNO DEL PROGETTO GO-ALL:

  • perchè è un'attività che promuove lo sviluppo globale del bambino, sostenendolo nel delicato e importante percorso verso l'acquisizione della propria identità e consapevolezza di sé e della propria espressività, pre-requisiti fondamentali per ogni apprendimento, anche in campo sportivo
  • perchè considera il corpo e l'espressività motoria il linguaggio privilegiato di ciascun bambino fino ai 6/8 anni di età
  • perchè il gioco e il piacere che da esso ne deriva, condiviso con l'adulto e gli altri bambini, è un potente mezzo di sviluppo per ogni bambino
  • perchè è un'attività che può essere rivolta ai bambini fin dai primi mesi di vita e può successivamente aprire le porte anche ad altre esperienze, anche di natura sportiva
  • perchè ogni incontro possiede una specifica struttura fatta di tempi, spazi e regole, che funge da contenitore per l'espressività del bambino, aiutandolo nella relazione con gli altri bambini e nei passaggi da una situazione a un'altra
  • perchè può offrire all'adulto, che accompagna e condivide il gioco con il proprio bambino, uno sguardo più consapevole su di lui e sulla relazione con lui